Franco Battiato – Patriots (1980)

Mi sono accorto che cito frasi di quest’album praticamente ogni momento. A sto punto faccio una recensione.

Patriots è l’album che introduce il Maestro negli anni ’80. Riprende e amplifica i temi musicali del preceente, spiazzante, “L’era del cinghiale bianco”, e ci consegna i tratti distintivi del Battiato che ascolteremo almeno di lì fino ai 5 anni sucessivi. I brani sono caratterizzati da una pulizia sonora incredibile e da una ritmica incalzante, quasi ‘gommosa’, grazie al basso pulsante, all’elettronica che impera, imbrigliata negli episodi che tratteggia F. di volta in volta. La title track gioca proprio sull’andatura marziale del basso, che sprezzante e altero detta i tempi della manovra, come il Paulo Sousa più ispirato dell’annata 1994/95. Segue una delle più belle perle dell’artista. Il collage di immagini che compone Venezia-Istanbul è praticamente una successione di episodi mezzi-italioti rotta dal cambio di ritmo che introduce la strofa “Mi dia un pacchetto di camel senza filtro e una minerva”, secondo un gioco che Battiato comincia in questi anni e proseguirà per tutta la sua carriera.
La successiva ‘le aquile’ è imperniata su uno splendido – e sintetico – riff di chitarra, sul quale si staglia la breve, sarcastica narrazione della voce. Ispirata, mantrica, solenne, rimane sospesa sul fluire continuo delle corde, senza scegliere tra serio e faceto.
Prospettiva Nevski è una delle più belle narrazioni di tutta la carriera del Maestro. Fa coppia con qull’Alexander Platz che verrà, poi. Un romanzo russo condensato in pochi attimi. Una atmosfera impalpabile, e soprattutto i frammenti ‘la luce fioca di candele e lampade a petrolio”. “Frammenti”, poi, è il titolo di un altro brano del lotto. Dove finalmente Battiato esce allo scoperto e non si vergogna di piazzare un pezzo di flusso di coscienza, sorretto da una bella ritmica stile cuccuruccuccù che verrà. Rimangono “Arabian Song”, sereno esercizio di pop raffinato dal ritornello in lingua straniera, e “Passaggi a livello”, ennesimo insieme di immagini sconnesse condito da un rosario finale di titoli di canzoni e altri clichè.
In questo disco, fatto di atmosfere crepuscolari, Battiato riesce a trovare uno splendido connubio di melodie eleganti, ritmate e, soprattutto, estremamente fruibili pur essendo intellettualmente elevate. A mio avviso da ascoltare, assimilare e poi citare, citare, citare….

Annunci

Tag: ,

5 Risposte to “Franco Battiato – Patriots (1980)”

  1. elisa Says:

    “… e tivengo a cercare,
    solo con la scusa di vederti o parlare…”
    Amo quest’uomo…
    A bello, ma che fine hai fatto?? Sempre al S. Lucia??
    Baciotto
    elis@

  2. filippo Says:

    “e il mio maestro mi insegnò come è difficile trovare l’alba dentro l’imbrunire…”

  3. Dario Says:

    “Hai mai visto a Borgo Panigale un’aurora simile alla Boreale?”

    “…alla riscossa stupidi che i fiumi sono in piena…potete stare a galla..a…”

  4. fede Says:

    e quando si trattava di parlare aspettavamo sempre con piacere

    good vibrations satisfaction sole mio cinderella mit violino lux eterna galileo douce france nietzsche lieder kurosawa meine liebe mr einstein on the beach mr einstein

  5. baby girl nursery bedding Says:

    Stars and moons can be a great choice if you are looking for a
    gender-neutral baby nursery theme. Chocolate brown and sage green can
    also create a fabulous modern nursery room for baby. Evidently, the word aqua must be out of style.

    Check out the complete i – Bowl review to find out more.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: